Archivio tag: valerie faris

Levante

Abbi cura di te

Carosello Records, 2015
avatar

Postato da
il

Prendi tutto quello che ho
Crollami addosso
E quel che posso
E quel che mostro
E qualche mostro mi dirà che
Noi non ci avremo mai

E basta con le pose plastiche ed i proforma
I sorrisi indossati all’occorrenza, la riverenza
È la voglia che mi manca poi
di ascoltare i soliti cliché
sgomitare per un posto tra
celebrità in disgrazia dei preziosi anni novanta

Levante.
Un nome che porta con sé aria di novità: non a caso è un vento che spira da est verso ovest.
Claudia Lagona lo ha scelto come nome d’arte e se ne serve per volteggiare tra la musica indipendente e il mainstream, con ottimi risultati.
In questo lavoro (Abbi cura di te è il suo secondo album) evoca l’amore e la vita. Intendiamoci: nulla di smielato o peggio, ma la sincera presa di coscienza che se una cosa finisce va bene così, non c’è bisogno di essere schizzinosamente emotivi o di piangere in modo arzigogolato.
Indipendentemente da quello che le canzoni possono raccontare, è la loro costruzione e le loro parole che ti avvolgono. Suoni apparentemente neomelodici sbocciano in un abbraccio di note fresche, bucaneve che fanno capolino da un tappeto indie-rock. Anche l’elettronica si fa sentire, senza però essere eccessiva, anzi: ben si amalgama con la classicità delle chitarre.
Tutto conferma la grande capacità compositiva di Claudia, nonché l’abilità cantautorale ed autoriale: raccontare del vissuto senza scadere in banalità come amore/dolore ed altre rime prevedibili non è da tutti e la sua voce agrodolce accarezza il presente accompagnandolo in un futuro più sereno.

Ascolta tre brani tratti dall’album:
Le lacrime non macchiano, Ciao per sempre, Lasciami andare

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche:
Levante – Manuale Distruzione
La Tarma – Antitarma
I Cani – Il sorprendente album d’esordio de I Cani

… e leggi anche
Joyce Carol Oates – Due o tre cose che avrei dovuto dirti
Murakami Haruki – Tokyo Blues : Norwegian Wood
John Fante – Chiedi alla polvere

… e guarda anche
Gus Van Sant – Scoprendo Forrester
Jonathan Dayton e Valerie Faris – Little Miss Sunshine
Paolo Virzì – Caterina va in città

Leggi tutto ►

Jonathan Dayton e Valerie Faris

Little Miss Sunshine

2006, Usa, 20th Century Fox
avatar

Postato da
il

C’era una volta una famiglia allargata e sgangherata. Sherly madre e moglie a tempo pieno, un po’ per vocazione un po’ per rassegnazione, non riesce più a reggere le fila di questo difficile collage famigliare. Richard padre alla ricerca di un (improbabile) successo editoriale rischia il tracollo nervoso inseguendo le promesse degli agenti letterari.  Poi ci sono i figli un adolescente ribelle, cinico e nichilista affascinato dal decadentismo, e Olive una bambina che desidera a tutti i costi vincere il concorso di bellezza provinciale. Abbiamo anche un nonno cocainomane cacciato dalla casa di riposo e uno zio gay sopravvissuto al suicidio ma ancora preda di una forte depressione. Obiettivo? Portare Olive al concorso della sua vita e, inutile dirvelo, risulterà un’impresa titanica.

La pellicola diretta da Jonathan Dayton e Valerie Faris è un mix travolgente che ci regala un’opera tenera e rara in cui si mescolano emozioni a piccole tragedie. Non esistono stereotipi ma viene rappresentata la vita con le sue infinite sfumature in cui a vincere sarà il senso di profonda umanità che lega i personaggi; saldati da una reciproca appartenenza che va ben oltre il legame di sangue. Questo viaggio on the road celebra con ironia e dolcezza l’imprevedibilità dell’esistenza (a tratti tragicomica) il tutto condito con intelligente black humor ma senza scivolare mai nel grottesco. Questa Odissea moderna riesce a distruggere quel sistema che divide il mondo fra “perdenti” e “vincitori” mostrando la crudeltà e l’intrinseca follia del giudizio umano che ci porta ad escludere persone e a precluderci delle esperienze vitali.

Se ti è piaciuto guarda anche:

Noi siamo infinito - Stephen Chbosky
Juno – Jason Reitman 

Leggi anche:

Dana Reinhardt – Il giorno in cui imparerai a volare
Aidan Chambers – Breaktime

Ascolta anche:

The Smiths- The queen is dead
The Smiths – Hatful of Hollow

lms-locandina

Regia : Jonathan Dayton e Valerie Faris
Sceneggiatura: Michael Arndt
Distribuzione: 20th Century Fox
Fotografia: Tim Suhrstedt
Montaggio: Pamela Martin
Musiche: Mychael Danna
Cast: Greg Kinnear, Toni Collette, Steve Carell, Paul Dano, Alan ArkinAbigail Breslin

Leggi tutto ►

Jonathan Dayton, Valerie Faris

Ruby Sparks

Usa, 2012
avatar

Postato da
il

Articolo di Elisa Capetti

Leggendo questa storia si potrebbe pensare “è magia”, ma innamorarsi è magia, così come scrivere.

Calvin è considerato da tutti un ragazzo prodigio da quando, a soli diciannove anni, raggiunge il successo con la pubblicazione del suo primo romanzo. L’etichetta di “genio”, però, non fa altro che annientare la sua creatività e dieci anni dopo si ritrova senza amici, senza ragazza e alle prese con il famoso “blocco dello scrittore”. Sarà un’idea del suo strizzacervelli a salvarlo: Calvin inizia a scrivere della misteriosa ragazza che ogni notte gli appare in sogno e giorno dopo giorno Ruby Sparks prende forma attraverso le sue parole. Ma tutto è destinato a cambiare, perché Ruby, la Ruby immaginata e desiderata da Calvin per tanto tempo, si palesa davanti a lui, in carne ed ossa. Ed è la sua ragazza. La ragazza dei suoi sogni.
 
Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche
Little Miss Sunshine – Jonathan Dayton, Valerie Faris
Il ladro di orchidee – Spike Jonze
 
Locandina di Ruby Sparks, un film di Jonathan Dayton e Valerie Faris
Regia: Jonathan Dayton, Valerie Faris
Sceneggiatura: Zoe Kazan
Musiche: Nick Urata
Fotografia: Matthew Libatique
Durata: 104’
 
Interpreti e personaggi
Paul Dano: Calvin Weir-Fields
Zoe Kazan: Ruby Sparks
Antonio Banderas: Mort
Annette Bening: Gertrude
Chris Messina: Harry
Deborah Ann Woll: Lila
Steve Coogan: Langdon Tharp
Elliott Gould: Dr. Rosenthal

Leggi tutto ►

Jason Reitman

Juno

20th Century Fox, 2007
avatar

Postato da
il

E’ che vorrei sapere che è possibile che due persone siano felici insieme per sempre. Mi serve.

Una corsa a perdifiato, i sedici anni di Juno MacGuff.
Un caleidoscopio di battute fulminanti e umori imprevedibili, un fuoco di fila di idee storte e perfette.
La sua vita e il suo rapporto indeciso e sognante con il buffo mezzofondista/musicista Paulie Bleeker subiscono un imprevisto scossone il giorno in cui la ragazza si rende conto che tre test di gravidanza non possono mentire.
Al bivio che le si presenta, sceglierà la via più impervia: portare a termine il percorso e dare in adozione il piccolo a una coppia che pareva non aspettare altro.
In quei difficili mesi, Juno si troverà al fianco una famiglia bella e disponibile e si renderà conto di quanto gli adulti abbiano bisogno almeno quanto lei di qualcuno che li aiuti nelle proprie scelte.
Una commedia che sa farsi dramma in un attimo, una sceneggiatura perfetta e una regia attraente e movimentata, che accosta immagini e musiche vivaci e naif, senza però mai sembrare artefatta: l’emozione è sempre palpabile, qui.
Ellen Page interpreta con straordinaria intensità un ruolo dei più impegnativi, tratteggiando con ironia agrodolce la storia di una ragazza alle prese con questioni “ben oltre il proprio livello di maturità”; Michael Cera pare nato per rappresentare la goffaggine e la dolcezza dell’adolescenza.
Fin dai coloratissimi titoli di testa, Juno ci stringe a sé nell’abbraccio di un piccolo mondo amico, tenero e commovente, e rende viva una filastrocca di personaggi meravigliosi, cui davvero non si può fare a meno di voler bene.

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche
Little Miss Sunshine – Jonathan Dayton, Valerie Faris
Young Adult – Jason Reitman

…e ascolta anche
Anyone else but you – The Moldy Peaches
All the young dudes – Mott The Hoople
Search & destroy – Iggy & The Stooges

Locandina di Juno, film di Jason Reitman con Ellen Page e Michael Cera

Regia: Jason Reitman
Soggetto: Diablo Cody
Sceneggiatura: Diablo Cody
Musica: Mateo Messina
Durata: 92′

Interpreti e personaggi
Ellen Page: Juno MacGuff
Michael Cera: Paulie Bleeker
Jennifer Garner: Vanessa Loring
Jason Bateman: Mark Loring
Olivia Thirlby: Leah
J.K.Simmons: Mac MacGuff
Allison Janney: Bren

Leggi tutto ►

Tullycraft

Lost in light rotation

Magic Marker, Fortuna Pop, 2013
avatar

Postato da
il

Apriamo la confezione di Lost In Light Rotation, nuovo album dei Tullycraft, e basta una semplice fotografia per capire cosa ci riserverà l’ascolto.
Cinque ex-ragazzi, più –anta che –enti, ritratti in buffe pose e armati solo di chitarre, legnetti, tamburelli e corde vocali: la semplicità come marchio di fabbrica, indie-pop giocoso e ridotto all’osso, perché una buona melodia è tutto quel che conta.
E allora undici pezzi favolosi ci piovono in faccia come raggi di sole d’estate, con le voci di Sean e Jenny che si inseguono e si danno il cambio, rotolano e si lanciano coriandoli, mentre le canzoni si susseguono senza sosta, senza paura di rompersi il collo in acrobazie ritmiche e melodiche da infarto (Agincourt, Lost In Light Rotation, Elks Lodge Riot, Dig Up The Graves, giusto per citarne alcune) e in qualche numero un po’ più rilassato (Anacortes, Queenie Co., From Wichita With Love); come se, a qualunque età, ci fosse sempre un ballo da rock’n’roll high school ad attenderci alla fine dell’anno.
Meraviglie luccicanti da ballare per sempre, musica perfetta per correre a perdifiato e sbucciarsi gomiti e ginocchia, come bambini con in testa una melodia troppo bella per non urlarla al mondo intero.
 

Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche
Happy hour – The Housemartins
Talulah Gosh – Talulah Gosh
Noise – Beat Happening
I know what I want – Math And Physics Club
Do you wanna dance? – The Ramones
 
…e guarda anche
Juno – Jason Reitman
Ruby Sparks – Jonathan Dayton, Valerie Faris
 
Scaricatelo gratis e legalmente da MediaLibraryOnLine e, se non sapete di cosa stiamo parlando, correte nella biblioteca più vicina a casa vostra per scoprirlo!

Leggi tutto ►