Archivio tag: Young Turks Records

The xx

XX

Young Turks Records, 2009
avatar

Postato da
il

I can’t give it up
To someone else’s touch
Because I care too much, care too much, care too much

The xx sono diventati un cult in pochissimo tempo. Nel 2009, l’etichetta indipendente Young Turks propone alla band di produrre il loro debutto, XX, il quale viene accolto con favore dalla critica e arriva in vetta alle classifiche di mezzo mondo, superando le barriere de genere rock indipendente e facendosi ascoltare anche da un pubblico più vasto ed eterogeneo.

La band sa accattivare sin da Intro che anticipa una musica semplice, studiata e minimal su cui è strutturato l’intero disco. Echeggianti note di chitarra su un beat elettronico e un lieve coro cantato aprono alle sonorità successive. Crystalised, il singolo di lancio dell’album ha sonorità country e grazie all’intreccio delle due voci crea un’atmosfera elettrica e orecchiabile. Islands è uno dei pezzi migliori dell’album, i beat sono semplicemente perfetti, e si fondono perfettamente con un alone caldo ed evocativo. Infinity segna definitivamente un album sofisticato dove le due voci continuano il loro botta e risposta per tre minuti e la canzone si chiude con un crescendo che si dissolve con un assolo di chitarra appena sfumato. Capolavoro del disco resta Night Time che mischia sapientemente un ritornello pop orecchiabile con un’atmosfera sognante restituendoci perfettamente la sensazione di una notte agitata e vitale. Musica minimal, e a tratti enigmatica come il loro nome, segna l’ingresso di questo gruppo nell’indie pop con tocchi di elettronica ben dosati e mai commerciali.

Se ti è piaciuto ascolta anche:
Be Forest, Earthbeat

Guarda anche:
Gus Van Sant, L’amore che resta

Leggi anche:
Alexander McCall Smith, Amori in vaggio

Leggi tutto ►