Archivio tag: zooey deschanel

Barry Levinson

Rock The Kasbah

USA, 2015
avatar

Postato da
il

E’ tutta la vita che cerco una voce.

Richie Lanz è un talent scout sull’orlo del fallimento. Come estremo tentativo di far conoscere la sua ultima scoperta, Ronnie, accetta di organizzare un tour destinato ai soldati americani in Afghanistan.
Arrivati a Kabul, Ronnie è talmente terrorizzata dall’idea di trovarsi in una situazione palesemente pericolosa, da fuggire con i soldi e i documenti di Richie.

Rimasto solo, senza passaporto e senza denaro, Richie decide di accettare la proposta di due trafficanti d’armi americani: consegnare un carico di munizioni in uno sperduto villaggio. Qui, scopre Salima che, dotata di una voce incantevole, sembra essere il talento destinato a dare una svolta alla sua carriera.

Salima è, però, una pashtun e non le è consentito cantare, né, tanto meno, esibirsi in pubblico. Nonostante questo, sia lei che Richie concordano sul fatto che non può restare nascosta nel deserto per sempre.

A Salima viene concesso, pur tra molte resistenze, di partecipare al talent Afghan Star. La sua esibizione non può che essere accolta con ostilità dal pubblico, che non è disposto a rischiare per dare sostegno ad una ragazza che sta infrangendo tutte le regole della sua società.

Riusciranno la magnifica voce di Salima e la passione di Richie a portarla alla finale del programma?

Ti è piaciuto questo film? Allora guarda anche…
School of Rock- Richard Linklater
I Love Radio Rock- Richard Curtis
Almost Famous (Quasi famosi)- Cameron Crowe

…leggi anche…
Alta fedeltà- Nick Hornby

… e ascolta anche…
That’s Live- Live in Cesena 2016- Rockin’ 1000
La colonna sonora del film

rock-the-kasbah

Regia: Barry Levinson
Sceneggiatura: Mitch Glazer
Musiche: Marcelo Zarvos
Durata: 100′

Interpreti e personaggi
Bill Murray: Richie Lanz
Bruce Willis: Bombay Brian
Kate Hudson: Merci
Zooey Deschanel: Ronnie
Leem Lubany: Salima

Leggi tutto ►

M. Ward

A Wasteland Companion

Merge, 2012
avatar

Postato da
il

Le canzoni di Matthew Stephen Ward sono un dono raro e prezioso, il suono dei sogni che non si è fatto in tempo a sognare, quelli che rimangono impigliati negli occhi ancora pieni di sonno la mattina presto, quando il sole filtra appena dalle persiane abbassate.
Le sue ballate si aprono pian piano, scrigni di meraviglia nei sussurri Clean Slate (dedicata ad Alex Chilton) o The First Time I Ran Away; giocano con blues (A Wasteland Companion), country e soul (Wild Goose, Pure Joy).
Ma qui si soffia pure la polvere dal giradischi per ballare il rock’n’roll sbilenco di Primitive Girl, Sweetheart (ripresa da Daniel Johnston) o I Get Ideas; si riscopre l’America della Frontiera nelle ruvide Watch The Show e Me And My Shadow.
Una magia che ha il suono di una vecchia radio a valvole e una purezza di quelle che s’insinuano nell’anima per non lasciarla più.
 

 
Ti è piaciuto questo album? Allora ascolta anche
She & Him – In The Sun
Andrew Bird – Fitz & The Dizzyspells
Bright Eyes – First Day Of My Life

Leggi tutto ►