Meditare da soli: come cercare la pace interiore

Gli innumerevoli benefici della meditazione sono ormai noti a tutti. Anche la scienza si è occupata di studiare i vantaggi che meditare apporta allo stato di salute in generale, alla memoria, calma e miglioramento del sistema nervoso e al metabolismo.

Quando meditiamo otteniamo benefici che migliorano la nostra vita: abbassando i livelli di stress, miglioriamo la concentrazione, il dialogo interiore e diventiamo più gentili con noi stessi.

Perché dovresti meditare

La meditazione non è la cura di ogni male, ma permette di fare un po’ di chiarezza nella nostra vita e nella nostra mente. Quando dobbiamo prendere delle decisioni importanti, ci può venire in aiuto la meditazione, aiutandoci a costruire una buona relazione con noi stessi ed a fare spazio all’intuito, che ci aiuta nell’affrontare le avversità della vita.

Chi medita ha una relazione migliore con le altre persone, perché stare nel silenzio a osservare i propri pensieri aiuta a sbarazzarsi del giudizio sugli altri. Inoltre, imparare come meditare da soli permette di non identificarsi più con i propri pensieri e le emozioni. Cambiando il nostro atteggiamento diventiamo più gioiosi, pacifici e meno nervosi nei confronti della vita, delle circostanze e delle persone. Siamo in accettazione. Questo permette di avere un dialogo interiore stimolante, di apertura mentale per essere più clementi nei confronti dei nostri errori. Rivivere serenamente il nostro passato ci permette di costruire un presente e un futuro migliori.

Molteplici sono i benefici della meditazione, dall’aumento di concentrazione e della produttività, una migliore salute psichica, migliore relazione con il cibo e con le persone, ma si può meditare anche solo per rilassarsi.

La meditazione ti fa essere più gentile con te stesso e di riflesso anche con gli altri.

Come si impara a meditare: posizioni fisiche e mentali

Non sono necessari accessori o strumenti. Se vuoi imparare come meditare è sufficiente trovare un angolo della casa silenzioso, una sedia o un divano comodi, sedersi e rilassarsi.

Per meditare non è necessario assumere posizioni scomode, stare a gambe incrociate o conoscere i mantra. Chi medita non deve aderire ad un tipo particolare di religione, perché la meditazione è universale ed è contemplata in tutte le religioni e filosofie.

Quando si inizia a meditare è importante tenere la schiena dritta, rilassare il corpo e rilassare la mente. Si può stare seduti nella tipica posizione del loto, a gambe incrociate, su una sedia con le ginocchia che formano un angolo di 90°, la schiena dritta e i piedi ben appoggiati a terra.

Per concentrarsi è sufficiente sedersi, assicurarsi di avere la colonna vertebrale dritta, chiudere gli occhi e rilassare il corpo. Per imparare a meditare bisogna imparare ad ascoltare il corpo e seguire il ritmo della respirazione.

Chi ha bisogno di aiuto può fare riferimento alle meditazioni guidate.

Le meditazioni guidate normalmente accompagnano la persona nei vari step della concentrazione. Si possono cercare dei tutorial su internet oppure rivolgersi a un professionista. Sul sito https://soulmentor.it/ troverete molti contenuti e spunti di riflessione che vi aiuteranno a scoprire come meditare correttamente.

È possibile meditare nell’assoluto silenzio, senza nessun tipo di accompagnamento musicale ed è in un certo senso preferibile, perché anche la musica tende a distrarci dalla meditazione, perché nella musica ci identifichiamo e stimoliamo la mente a pensare.

Pensare non è meditare e nemmeno rilassarsi. Dovete imparare a lasciar fluire i vostri pensieri senza interagire con essi. Osservate la vostra vita e la vostra quotidianità senza intervenire con un sentimento in contrasto. Per meditare occorre raggiungere un distacco emotivo da ciò che vi accade e visualizzarlo per quello che è, cioè un accadimento della vita. Ciò che accade deve essere ri-vissuto senza colpe e senza coinvolgimento. L’intento è superare le barriere sentimentali che ci dividono dall’universo che ci circonda. Quando imparerete a non provare risentimento o rabbia nei confronti di ciò che vi è accaduto, lasciando scorrere gli eventi, sarete in grado di meditare in maniera proficua.

La musica da meditazione può aiutare le prime volte a rilassare il corpo e ci può guidare in uno stato di benessere. La migliore musica da meditazione è quella acustica, senza parole cantate, oppure con i mantra che vengono recitati.

I diversi tipi di meditazione

Esistono diversi tipi di meditazione. La meditazione buddista, zen, Vipassana, trascendentale, o mindfulness: sono tutte pratiche appartenenti a filosofie diverse, ma che hanno come obiettivo finale la pace interiore. Quello che conta quando si impara come meditare non è l’adesione ad una disciplina, ma lo spirito di gioia e privo di aspettative con il quale si va incontro a questa pratica. Imparare a porci con il giusto stato d’animo verso la concentrazione ci aiuterà a vivere in modo sereno: con minori aspettative e senza giudizi.

I vari tipi di meditazione si distinguono per le posture, la presenza o meno dei mantra, la connessione con una determinata religione o filosofia. La meditazione mindfulness per esempio è stata teorizzata da Jon Kabat Zinn, che ha fondato una vera e propria clinica della meditazione per ridurre lo stress (slegata da qualsiasi tipo di credo).

La meditazione zen può essere fatta anche camminando e consiste nel portare attenzione e consapevolezza a ogni singolo passo che si compie.

Qualunque tipologia si pratichi, con mantra o senza, in determinate posizioni o semplicemente seduti su una sedia, quello che conta è raggiungere il benessere interiore.

I risultati della meditazione

La meditazione ci aiuta a vivere il momento presente, riporta la calma nella mente e ci fa vivere in armonia con il nostro corpo e con l’universo intero.

La tecnica ha sicuramente il suo valore, ma non dimenticate che il vostro obiettivo è stare meglio con voi stessi e con gli altri. Il fine ultimo della meditazione è quello di portare l’uomo a sentirsi parte dell’universo, e qualsiasi sia la tecnica che deciderete di adottare, sarà valida se vi porterà a vivere serenamente.